Loading
--------------

Vitamina B6: approfondimento

Vitamina B6.La vitamina B6, meglio conosciuta come piridossina è un complesso di vitamine idrosolubili che vede sette diramazioni principali conosciute: quella che abbiamo precedentemente elencato è la forma più comune di supplemento rintracciabile.

La piridossina è un elemento chiave nella metabolizzazione di componenti molto importanti come proteine e glucosio risultando quindi fondamentale anche in processi come quello di creazione e gestione dell'emoglobina: essa è un componente che ritroviamo nei globuli rossi, incaricata di trasportare ossigeno.

Non è inoltre rara una diretta influenza della vitamina B6 sulle funzioni del sistema nervoso centrale, stimolando la sintesi di neurotrasmettitori come la serotonina e la noradrenalina.

Molti, moltissimi cibi contengono dosi di vitamina B6 seppure in forma modesta, ragionamento secondo cui è logico pensare che le malattie dovute alla sua mancanza siano particolarmente rare e difficili da rintracciare: nonostante tali premesse se ne conoscono i principali sintomi che possono essere raggruppati in forme di anemia, infiammazione localizzata alla lingua, neuropatia e convulsioni.

Oltre a diversi fattori che entrano in gioco nel determinare una giusta assunzione di vitamina B6, vi è naturalmente anche il fattore legato all'età dell'individuo: se per infanti fino ai 12 mesi di vita la dose consigliata è di 0.1-0.3mg al giorno, un individuo adulto arriva a doverne assumere anche 1.3-1.5mg quotidianamente.

Per concludere, una piccola rassegna degli alimenti che contengono discrete se non ingenti dosi di vitamina B6: carote, banane, alcune varietà di pesce, carni bianche come il pollo, latte, patate e spinaci.