Loading
--------------

Vitamina B12: approfondimento

Prosciutto e latticini, fonte di vitamina B12.La vitamina B12 è una delle otto vitamine appartenenti al macro-gruppo B ed è meglio nota col termine cobalamina: di natura idrosolubile, viene di solito trasportata attraverso il flusso sanguigno come accade per altri composti di medesima entità.

Questa vitamina è particolarmente importante nel determinare un corretto funzionamento delle principali attività celebrali, agendo sia sul sistema nervoso del soggetto che sulla creazione e proliferazione di globuli rossi sani.

Secondo il parere degli esperti è inoltre responsabile dei processi metabolici di ogni singola cellula del proprio corpo, e proprio per questo ritenuta una vitamina piuttosto complessa nonchè la più grande dal punto di vista della voluminosità.

La produzione artificiale di cobalamina si limita ad un processo di sintesi della fermentazione batterica: malattie riscontrate in seguito ad una grave insufficienza di vitamina B12 comportano seri rischi per l'imminente futuro e danni permanenti alle funzioni celebrali se non curati per tempo.

Un dettaglio da tenere in considerazione è il regime alimentare che il soggetto preso in esame tende a seguire: esponenti della dieta vegana sono notevolmente più esposti a problemi di questo genere in quanto la loro scelta nutrizionale vieta categoricamente di attingere a prodotti di origine animale.

Inoltre, patologie innescate da un deficit di cobalamina tendono ad influenzare anche disturbi precedentemente accusati dall'individuo come accade per i fenomeni depressivi.

Tra i sintomi più comuni troviamo stanchezza cronica, emicrania, dolore localizzato alla zona del petto, colorito particolarmente pallido ed aritmia.

Le migliori risorse di vitamina B12 sono rintracciabili in alimenti come uova, pesce, prosciutto, latte e suoi derivati fra cui formaggio e yogurt.